Chi siamo

maria-gabriella-bardelli-ascolto-biologico
La storia di Maria Gabriella: l'inizio del viaggio

Il viaggio che mi ha condotto all’Ascolto profondo dei sintomi è iniziato quasi 30 anni fa. Ed è una avventura che ho percorso fin qui con Andrea, mio marito e padre dei nostri due figli.  Questo nostro cammino di scoperta è diventato con il tempo il progetto: “Ascolto Biologico”. 

Nella mia vita ho goduto di buona salute e non sono mai stata ricoverata in ospedale. Se non che a 27 anni, improvvisamente, ho cominciato ad avvertire dei fastidiosi e sempre più dolorosi mal di testa. Una o due volte al mese. Inizialmente ci riuscivo a superarli con una buona dose di caffè, poi col tempo l’effetto della caffeina non era più lo stesso e cominciai a ricorrere a analgesici vari.

Il Venezuela e l'inizio di Ascolto Biologico

Poi ho vissuto alcuni anni in Venezuela con Andrea. Nel 1998 siamo partiti con il sogno di aprire un piccolo centro olistico. Nel giro di poco una serie infinita di coincidenze ci mise sulla strada giusta. Ogni giorno capitavano incontri decisivi. Fin dalle prime settimane ci vennero incontro molte informazioni preziose che hanno cominciato a suscitarmi un prezioso dubbio: “E se il nostro corpo fosse strettamente connesso con ciò che proviamo, con ciò che pensiamo? E se i nostri sintomi non si manifestassero solo per caso o per sfortuna o per eredità genetica?”

In quel periodo cominciai a percepire una verità: la nostra biografia è la nostra biologia. Che la nostra vita emotiva si riflette in vari modi e precisamente nel nostro corpo biologico. Da qui a pensare che la causa della mia emicrania fosse dentro di me è stato brevissimo. Le risposte non tardarono ad arrivare. Tornati poi in Italia scoprii preziose informazioni che mettevano in relazione precisa i sintomi del corpo con le emozioni. Sperimentai subito sul mio corpo queste conoscenze e il nostro cammino prese una svolta di fronte alla guarigione della mia emicrania.

Sono seguiti lunghi anni di studi e di ricerca e soprattutto di esperienza sulla mia pelle e poi nella vita di sempre più persone! Dal 2007 guido le persone nell’Ascolto di sé a partire dall’Ascolto dei loro sintomi, dei loro disagi, o delle loro difficoltà. E come genitore, come madre di 2 figli, aver fatto pace con la cosiddetta malattia permea il modo con cui li aiutiamo a crescere. Il modo in cui li ascoltiamo.

Un po’ di me

Chi è Maria Gabriella Bardelli

Autrice di libri, tra cui il long seller “La guarigione è dei pazienti” (del 2012), cofondatrice di Ascolto Biologico® e Ideatrice del metodo ENIA.

Laureata in Lettere, Diplomata in Naturopatia, Master Psicosomatica, Prima animatrice italiana in Metamedicina, diplomata alla Scuola di formazione sulle 5 Leggi Biologiche. Dal 2007 ha aiutato migliaia di persone (in Italia e all’estero) attraverso l’Ascolto profondo dei sintomi con Percorsi individuali, Percorsi di gruppo, seminari, libri e conferenze.

Sposata da 20 anni e madre di 2 figli.

La storia di Andrea Leone: i primi dubbi

A  9 anni un episodio personale mi ha inoculato un primo dubbio nei confronti della medicina ufficiale e fu la visita da un ottorinolaringoiatra ritenuto un “luminare” che dopo avermi visitato aveva raccomandato ai miei genitori di farmi operare alle tonsille. Ricordo che un altro medico interpellato per un secondo parere, non vedendo nulla nella mia gola, avanzò con ironia l’ipotesi che se mi avessero fatto operare mi avrebbero dovuto mostrare le tonsille di un altro bambino perché la mia gola stava benissimo!

Il contatto con la malattia e la medicina poco umana

Qualche anno più tardi mia madre si “ammalò” e poiché sembrava un problema neuronale cominciò a essere seguita da un neurologo. Per una felice coincidenza i genitori del mio amico del cuore seguivano la medicina “naturale” e mi spiegarono come gli psicofarmaci potevano essere devastanti perché sono sostanze sintetiche, appunto non naturali. Io quel neurologo coi suoi psicofarmaci incominciai a detestarlo perché pensavo che ottusamente stesse debilitando mia madre che vedevamo peggiorare di anno in anno.

Quando già avevo oltre 20 anni quel solito neurologo convocò tutti noi familiari: davanti a mia madre, ci disse che la situazione era senza speranza e di metterci una pietra sopra perché avrebbe potuto solo peggiorare. Rimasi stupefatto dal livello di insensibilità di questo professionista che non aveva saputo minimamente mettersi nei panni di mia madre (che pur malata, era lucidissima) e che comunicava a noi una diagnosi nefasta con la freddezza di un idraulico che ti spiega che occorre cambiare un tubo!

A quella medicina mancava qualcosa, era poco “umana” e limitata perché si occupava solo del corpo mentre sentivo che eravamo molto molto di più e che nella malattia e nel processo di guarigione entravano in gioco ben altri fattori che quelli puramente casuali dell’ambiente esterno. Tutto doveva avere un senso…ma come far tornare i conti?

 

ascolto-biologico-malattia-chi-siamo

L'incontro con Maria Gabriella e Ascolto Biologico

Quando poi a 28 anni incontrai Maria Gabriella la mia ricerca solitaria diventò una esperienza condivisa e che si doveva misurare con un problema concreto: la sua emicrania invalidante.

All’inizio dei nostri anni sulle ande venezuelane mi segnò per sempre l’incontro con Myss Caroline (una medical intuitive di Chicago) che nel suo libro “Anatomia dello spirito” spiegava la precisa connessione tra biologia e biografia, tra la malattia e la sua causa a livello energetico/emotivo. E sempre in Venezuela feci un’altra esperienza che confermava la mia intuizione che ci dovesse essere una stretta correlazione tra la propria vita e quello che accadeva al corpo. Che le due cose erano intimamente connesse. Una terapeuta rolfing, dopo avermi massaggiato con veemenza in lungo e in largo mi raccontò alcune cose della mia vita emotiva come se le avesse letteralmente lette coi polpastrelli a contatto con le cellule del mio corpo, dove diceva, esserci registrate tutte le mie emozioni!

Tornati in Italia, forti di tante esperienze di prima mano in ambito di medicine alternative e guaritori di campagna, ci vennero letteralmente incontro le risposte di cui avevamo bisogno e che culminarono nello studio delle 5 leggi biologiche scoperte dal dott. Hamer. Il cerchio si era chiuso!

Oggi portare avanti il nostro progetto Ascolto Biologico mi fa sentire ogni giorno a contatto con una conoscenza profonda e precisa che permette alle persone, attraverso l’ascolto dei propri sintomi, di uscire da molte ipnosi legate alla salute e di intraprendere un cammino quotidiano di conoscenza di se stessi.

Un po’ di me

Chi è Andrea Leone

Co-fondatore del Progetto ASCOLTO BIOLOGICO. Fondatore e Referente della community group italiana IONS Italia. Consulente editoriale, Ideatore, organizzatore e moderatore di eventi culturali.

Relatore Blogger e articolista su temi di convergenza tra scienza salute e spiritualità. Laureato in filosofia con una tesi sul pensiero scientifico evoluzionistico di Teilhard de Chardin.